Apple mette le corna all'iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass | Web Agency Brescia
10834
post-template-default,single,single-post,postid-10834,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Apple mette le corna all’iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass

Apple mette le corna all'iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass

Apple mette le corna all’iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass


Apple sta studiando una serie di cover per iPhone capaci di integrare anche le AirPods, e ricaricarle. Un’idea che espande il concetto già introdotto con iPad Pro e Apple Pencil, anche se qui il risultato – almeno in termini estetici – è decisamente meno armonioso, specie in una soluzione in particolare.

I bozzetti contenuti nel brevetto registrato il 12 gennaio dall’USPTO, infatti, mostrano varie opzioni di design per riuscire ad integrare lo spessore delle cuffie nella cover, tra soluzioni a libretto e un accessorio che ricorda la linea MagSafe. A spiccare è sicuramente quella “cornuta”, che integra cioè le AirPods sul bordo superiore dello smartphone, dove possono essere inserite all’interno di una sede circolare. Curiosamente, con queste antenne iPhone finisce per somigliare un poco al robottino di Android.

Apple mette le corna all'iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass Apple mette le corna all'iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass

Una precisazione va fatta per quanto riguarda il design dello smartphone, che non è minimamente indicativo: quel taglio “a pillola” è dovuto al fatto che per non svelare caratteristiche particolari dei futuri melafonini sia stato scelto come riferimento per le illustrazioni un vecchio iPhone 8.

Apple mette le corna all'iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass

Tra le varie idee contenute nel brevetto, la più plausibile è probabilmente quella che richiama i recenti accessori della linea MagSafe, come il portafoglio magnetico che si aggancia sul retro dei nuovi iPhone 12, e che in questo caso sarebbe in grado di ospitare le cuffie. Meno probabile vedere veramente commercializzata la custodia a libretto con quella sorta di “maxi-pillola” sulla faccia esteriore, al di sotto della quale troverebbero posto le AirPods.

Apple mette le corna all'iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass

APPLE GLASS


Apple mette le corna all'iPhone con la cover che ricarica le AirPods. E pensa ai Glass

Un secondo brevetto depositato dal colosso di Cupertino e registrato sempre oggi dall’USPTO riguarda invece gli Apple Glass, ovvero gli occhiali per la Realtà Aumentata che sono in cantiere ormai da tempo. Il documento non li cita mai esplicitamente, ma fa riferimento a “un dispositivo da indossare sulla testa“: perciò con ogni probabilità stiamo parlando o di occhiali, o di un visore.

Lo scenario descritto è sostanzialmente quello già delineato da un brevetto precedente: tramite gli Apple Glass sarà possibile sbloccare i propri dispositivi appartenenti all’ecosistema Apple nelle vicinanze, in maniera simile a quanto avviene già ora con l’Apple Watch. Insomma, una tecnologia che facilmente vedremo sugli occhiali smart della mela morsicata, proprio per come si pone in continuità con l’idea di user experience già vista su altri prodotti.

No Comments

Post A Comment