TicketOne multata di 10 milioni di euro per abuso di posizione dominante | Web Agency Brescia
10939
post-template-default,single,single-post,postid-10939,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

TicketOne multata di 10 milioni di euro per abuso di posizione dominante

TicketOne multata di 10 milioni di euro per abuso di posizione dominante

TicketOne multata di 10 milioni di euro per abuso di posizione dominante


TicketOne, la piattaforma per la vendita online di biglietti di eventi dal vivo leader di mercato in Italia e non solo, è stata multata dall’Antitrust italiano per abuso di posizione dominante. La somma da pagare ammonta a ben 10 milioni di euro, anche se la società ha già fatto sapere che intende presentare ricorso.

La sentenza prevede che TicketOne dovrà permettere alla concorrenza di vendere almeno il 20% dei biglietti per eventi organizzati da partner esclusivi “con qualsiasi modalità e mediante qualsiasi canale, a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie“.

Le indagini sulla condotta di TicketOne si protraggono da diverso tempo ormai, e riguardano nello specifico il settore dei concerti di musica leggera. In sostanza, la società è accusata di aver messo in pratica una serie di condotte che hanno impedito alla concorrenza di affermarsi sul mercato – ha stipulato contratti in esclusiva con i più importanti organizzatori di eventi, ha acquisito promoter del calibro di Gi, Friends & Partners, Vertigo e vivo Concerti, ha siglato accordi con diretti concorrenti di dimensioni nettamente inferiori e ha attivato una campagna di boicottaggio nei confronti di aziende come Ticketmaster e Live Nation (che a sua volta ha avuto i propri grattacapi con la giustizia per lo scandalo del secondary ticketing scoppiato circa quattro anni fa). L’AGCM dice che i comportamenti contestati sono iniziati almeno nel 2013, e alcuni di essi sono tutt’ora in corso.

Soffocando la concorrenza, dice l’Antitrust, TicketOne ha potuto continuare a esigere commissioni sulla vendita superiori a quelli della concorrenza; inoltre, ha limitato la libera scelta dei consumatori, che in ultimo hanno pagato biglietti più salati. Come dicevamo, l’iter giudiziario è solo all’inizio.

No Comments

Post A Comment