iPhone 12 mini: rallenta la produzione. La pandemia non aiuta le vendite | Web Agency Brescia
10999
post-template-default,single,single-post,postid-10999,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

iPhone 12 mini: rallenta la produzione. La pandemia non aiuta le vendite

iPhone 12 mini: rallenta la produzione. La pandemia non aiuta le vendite

iPhone 12 mini: rallenta la produzione. La pandemia non aiuta le vendite


iPhone 12 mini è lo smartphone che in tanti hanno desiderato, ma quello che in pochi hanno comprato. Il compatto di casa Apple non sta riscuotendo grande successo all’interno della lineup 2020 e le prime indiscrezioni di Morgan Stanley sembrano trovare conferma anche nel recente report pubblicato da DigiTimes.

Secondo quanto riferito, infatti, pare che Pegatron abbia ricevuto l’ordine di ridurre la produzione della variante mini di iPhone 12. I primi dettagli sui volumi di vendita parlano di un iPhone 12 mini in grado di pesare per appena il 6% delle vendite totali dell’ultimo periodo di riferimento (quello che include anche le festività natalizie), riuscendo a malapena a superare le performance di iPhone XR, un prodotto ormai presente sul mercato da più di 2 anni.

La fonte suggerisce che una giustificazione delle scarse vendite in alcuni mercati chiave – come Stati Uniti e Europa – dovrebbe essere legata al perdurare della pandemia, senza però aggiungere altri dettagli. Questo scenario ha in effetti dei risvolti negativi per il compatto di casa Apple, dal momento che va a rendere marginale uno dei principali vantaggi di questo smartphone rispetto agli altri dispositivi della lineup, ovvero la sua praticità durante gli spostamenti. Il mini, infatti, risulta sicuramente più comodo in tutti quei contesti di mobilità quotidiana che erano maggiormente diffusi prima della pandemia, mentre il suo valore aggiunto tende a perdersi nel momento in cui ci si sposta verso stili di vita più sedentari.

Un altro elemento decisivo potrebbe essere legato al prezzo, dal momento che proposte come lo stesso iPhone XR e iPhone SE 2020 risultano essere più efficaci nell’intercettare la domanda di chi vuole avvicinarsi al mondo Apple con il minor esborso possibile. Questo al netto del fatto che il 12 mini non impone alcuna rinuncia in potenza e funzionalità; semplicemente lo scarto con l’iPhone 12 base è troppo ridotto e per molti utenti non rappresenta un incentivo sufficiente per orientarsi verso questa proposta.

Per finire, il report di DigiTimes conferma anche che, nel complesso, la lineup di iPhone 2020 sta vivendo un periodo particolarmente positivo: se da un lato è vero che iPhone 12 mini non riesce a brillare, dall’altro emerge una sempre crescente domanda per i modelli Pro, verso i quali Apple ha riposizionato gran parte della capacità produttiva dei suoi partner. iPhone 12 Pro Max è sicuramente il modello più interessante della lineup, grazie ad alcune funzionalità esclusive del comparto fotografico di cui vi abbiamo parlato, mentre il 12 Pro sta trovando maggior successo dei suoi predecessori grazie all’abbandono del formato da 5,8″, in favore di un display da 6,1″.

(aggiornamento del 23 gennaio 2021, ore 07:38)

No Comments

Post A Comment