AMD conferma carenza di chip per Xbox, PS5 e PC sino a giugno | Web Agency Brescia
11076
post-template-default,single,single-post,postid-11076,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

AMD conferma carenza di chip per Xbox, PS5 e PC sino a giugno

AMD conferma carenza di chip per Xbox, PS5 e PC sino a giugno

AMD conferma carenza di chip per Xbox, PS5 e PC sino a giugno


Non ci sono ancora segnali di schiarita per quanto riguarda la disponibilità delle console di nuova generazione, e di schede video e CPU destinate ai videogiocatori. Lo dimostrano anche le nostre cronache quotidiane sull’arrivo di piccoli lotti di Xbox Series X e PS5 su Amazon e su altri e-commerce che si esauriscono in pochi minuti.

La situazione attuale è il risultato di una combinazione di fattori: da un lato una domanda che continua ad essere molto elevata, complice anche l’emergenza sanitaria che costringe a stare di più in casa e a coltivare la passione videoludica; dall’altro è sempre la pandemia a condizionare le attività di produzione e distribuzione della componentistica.

AMD ha confermato in occasione dei risultati finanziari del suo ultimo trimestre fiscale che le difficoltà nella fornitura dei chip per le console di nuova generazione – si ricorda che sia le CPU sia le GPU di Xbox Series X | S e di PS5 sono di AMD – e dei chip per le schede video e i processori pensati per l’impiego in ambito gaming non si potranno superare prima della metà dell’anno. Ciò significa che almeno sino a giugno le console next gen, le schede video Radeon serie RX 6000 e le più prestanti CPU Ryzen saranno molto difficili da reperire, perché prodotte e distribuite in quantità limitate o comunque non in grado di soddisfare la domanda.

AMD ha tutto l’interesse ad incrementare la produzione, visti anche gli ottimi risultati raggiunti nell’ultimo quarto del 2020 – due dati su tutti: il fatturato è aumento del 53% su base annua, l’utile del 64% – ma non sarà possibile farlo prima della seconda metà dell’anno. Al di là delle CPU e delle GPU per console e PC da gioco, a risentirne saranno anche i componenti destinati al segmento di fascia bassa del mercato PC che sono anche quelli più richiesti.

Un quadro meno roseo del previsto: a ridosso del CES sia AMD sia Nvidia hanno confermato le difficoltà, Nvidia ha parlato di una situazione che si sarebbe sbloccata a partire da fine aprile, ma le nuove previsioni di AMD spostano ancora più in là la data. Bisogna quindi armarsi di pazienza e attendere il momento giusto per cambiare console, scheda video o CPU.

No Comments

Post A Comment