Xiaomi e Motorola svelano la ricarica wireless che funziona a metri di distanza | Web Agency Brescia
11105
post-template-default,single,single-post,postid-11105,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Xiaomi e Motorola svelano la ricarica wireless che funziona a metri di distanza

Xiaomi e Motorola svelano la ricarica wireless che funziona a metri di distanza

Xiaomi e Motorola svelano la ricarica wireless che funziona a metri di distanza


Si fa presto a dire ricarica wireless che libera del tutto dal vincolo dei cavi: in realtà è vero che tutti i sistemi oggi in commercio non rendono necessario il collegamento cablato tra alimentatore e dispositivo, ma obbligano comunque a tenerlo a contatto con la base di ricarica. Una vera e propria libertà si avrebbe con un sistema di ricarica wireless in grado di ricaricare il dispositivo anche a metri di distanza dalla base. Xiaomi e Motorola stanno lavorando a questo genere di soluzione e i rispettivi progetti sono giunti a un punto di maturazione tale che le due aziende hanno deciso di condividere i primi dettagli.

XIAOMI MI AIR CHARGE: RICARICA CON LE ONDE MILLIMETRICHE


Xiaomi e Motorola svelano la ricarica wireless che funziona a metri di distanza

Tra le due Xiaomi è quella che sembra avere le maggiori ambizioni: l’azienda cinese parla infatti di una soluzione che permette di ricaricare smartphone e accessori sino a diversi metri di distanza, senza alcun contatto con la base.

Il sistema prevede una torre di ricarica dotata di 144 antenne che trasmettono onde millimetriche utilizzando la tecnologia del beamforming – permette di direzionare e concentrare il segnale wireless in un punto, nel caso specifico il dispositivo che deve essere ricaricato – più 5 antenne a rilevamento di fase. Lo smartphone è dotato di un’antenna beacon che trasmette alla base le informazioni sulla posizione, e di 14 antenne che ricevono le onde millimetriche. Le onde sono inviate ad un circuito raddrizzatore che le trasforma in energia elettrica ricaricando la batteria.

Al momento Xiaomi precisa che la velocità di ricarica massima è di 5W – in sostanza è quella che si può raggiungere utilizzando, ad esempio, il caricatore standard degli iPhone. Anche se si è ben lontani dai valori massimi della ricarica wireless (la stessa Xiaomi sta puntando agli 80W), bisogna tenere conto che si tratta di una tecnologia innovativa, che muove solo ora i primi passi e che ha comunque il vantaggio di permettere di ricaricare contemporaneamente più dispositivi (ciascuno con velocità di 5W), senza che gli oggetti fisici che si frappongono tra la base e lo smartphone riducano l’efficienza della ricarica.

Xiaomi non si sbilancia sul debutto commerciale, ma sembra che ci vorrà ancora del tempo. Agatha Tang, Product PR di Xiaomi Global, chiarisce che si tratta di una tech demo e che almeno per quest’anno non c’è la possibilità di trasferire questa tecnologia in un prodotto destinato alla vendita L’Azienda ha condiviso un video promozionale che mostra il sistema impiegato su uno smartphone; aggiunge però che in futuro la soluzione potrà ricaricare smartwatch e altri dispostivi indossabili, altoparlanti, lampade da scrivania ed altri piccoli oggetti domestici.

MOTOROLA: MOSTRA QUALCOSA DI PI CONCRETO (E MENO AMBIZIOSO)

Motorola, con un sorprendente tempismo, vuol far sapere al grande pubblico che è al lavoro su una soluzione simile, seppur meno ambiziosa – non si parla di diversi metri, ma al massimo di uno. Contestualmente alle informazioni condivise da Xiaomi arriva infatti un video pubblicato da un dirigente di Motorola su Weibo. Il filmato mostra due smartphone che si ricaricano in wireless a distanza di 80 e 100 cm dalla base. Il video mostra inoltre come le operazioni di ricarica si interrompano quando si interpone una mano tra lo smartphone e la base – verosimilmente per ridurre e missioni dannose per il corpo umano.


video originale postato su Weibo, ricaricato su YouTube per facilitarne l’incorporazione

Motorola non ha svelato dettagli tecnici sul suo sistema di ricarica a distanza, se non che è compatibile con lo standard Qi. Il messaggio pubblicato dal dirigente su Weibo si chiude con la prospettiva che la tecnologia potrebbe esordire con un futuro modello della linea Motorola Edge, ma per ora manca qualsiasi accenno alla tempistica. I prototipi però ci sono già.

No Comments

Post A Comment