Sony ha spedito solo un milione di Xperia nel Q3 2020, ma i profitti salgono | Web Agency Brescia
11187
post-template-default,single,single-post,postid-11187,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Sony ha spedito solo un milione di Xperia nel Q3 2020, ma i profitti salgono

Sony ha spedito solo un milione di Xperia nel Q3 2020, ma i profitti salgono

Sony ha spedito solo un milione di Xperia nel Q3 2020, ma i profitti salgono


Sony ha rilasciato i risultati fiscali del Q3 2020, ovvero da ottobre a dicembre. Il colosso giapponese ha fatto registrare un sensibile calo delle spedizioni, di circa il 23% rispetto allo stesso periodo del 2019. Gli smartphone spediti sono circa 1 milione . Una diminuzione che ha comunque consentito all’azienda di non registrare perdite e di raggiungere un fatturato “quasi” in linea con quello del Q3 dell’anno precedente ovvero 111,1 miliardi di yen, contro i 113,9 miliardi di yen del 2019.

Come si spiega un risultato del genere? Gli smartphone Sony, tra cui Xperia 1 II, che abbiamo provato a luglio 2020, e il più recente Xperia 5 II, annunciato poco prima del periodo preso in esame, hanno subito negli anni un discreto aumento del prezzo di listino: Xperia 1 II costa infatti 1199 euro, mentre il fratello più piccolo 899 euro. L’aumento è di circa il 27 % su base annua. A difesa dell’operato di Sony, va anche detto che l’azienda è riuscita a ridurre i costi operativi e questo dovrebbe migliorare le future performance.

Sono proprio i due top di gamma citati poco sopra ad aver venduto di più incrementando conseguentemente i profitti. Questa strategia ha consentito a Sony di innalzare il reddito operativo della divisione mobile, che da quest’anno è stata unita in una più generica Electronics Products & Solutions, a 21,3 miliardi di yen, ovvero circa 7 miliardi in più rispetto allo scorso anno.

In un anno complesso come il 2020 e caratterizzato dalla pandemia globale da Coronavirus, un risultato del genere lascia ben più di qualche speranza per gli appassionati della gamma Xperia e anche per Sony, che sembra aver trovato la strada giusta per uscire da una crisi che dura ormai qualche anno.

Sebbene Sony non abbia rilasciato dichiarazioni in merito agli obiettivi da raggiungere durante i prossimi mesi del 2021, è lecito pensare che l’intenzione sia quella di proseguire su questa strada, aumentando gli utili e possibilmente pure le vendite, in modo da poter investire maggiormente nel settore mobile e poter proporre una gamma sempre più completa di dispositivi.

No Comments

Post A Comment