Xiaomi lancia il concept con uno schermo tutto curve: niente cornici, porte e tasti | Web Agency Brescia
11210
post-template-default,single,single-post,postid-11210,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Xiaomi lancia il concept con uno schermo tutto curve: niente cornici, porte e tasti

Xiaomi lancia il concept con uno schermo tutto curve: niente cornici, porte e tasti

Xiaomi lancia il concept con uno schermo tutto curve: niente cornici, porte e tasti


Xiaomi ha presentato un nuovo smartphone concept: non ha ancora un nome, ma ha molto da offrire in termini di caratteristiche. Quella più di spicco è il display waterfall con i quattro bordi estremamente curvi curvatura a 88°. L’intento del produttore cinese è di estendere lo schermo oltre ogni limite, per questo ha deciso di rimuovere ogni elemento superfluo.

Lo smartphone ha un design unibody, non ha porte, né tasti fisici. Le consuete cornici che circondano lo schermo diventano un pallido ricordo. Il display è avvolgente e si estende lungo i bordi. A rompere il dominio assoluto dello schermo sulle cornici sono solo i quattro angoli del pannello che nelle immagini stampa e nel video ufficiale presentano delle piccole aree scure.

Xiaomi sottolinea le difficoltà tecniche che un dispositivo di questo genere pone. I display flessibili non sono una rarità, ma è anche vero che un pannello con quattro bordi così curvi richiede particolari attenzioni per quanto riguarda il processo di produzione e di applicazione del vetro che lo protegge. Il produttore cinese dice di aver sviluppato apposite apparecchiature per la piegatura a caldo del vetro curvo sui quattro lati e di aver utilizzato un’innovativa tecnica per fissarlo al pannello. Una soluzione che, a detta di Xiaomi, ha richiesto migliaia di tentativi.

E poi c’è la non trascurabile necessità di trovare il modo per rimuovere gli elementi in eccesso: Xiaomi ha impiegato 46 tecnologie brevettate per dire addio a porte, tasti e cornici, ad esempio quelle relative alla fotocamera sotto il display, alla ricarica wireless, alla scheda eSIM e ai sensori di pressione, o ancora alla tecnologia che permette riprodurre il suono tramite lo schermo e di rinunciare così ad ingombranti ed antiestetici altoparlanti tradizionali.

Quando arriva? Alla domanda che ogni appassionato di tecnologica probabilmente si pone non si può ancora dare una risposta. Come ogni concept anche quello di Xiaomi ha il compito di tracciare una strada che verrà percorsa in tutto o in parte dai futuri prodotti commerciali. C’è da dire che negli ultimi giorni si sono intensificati i rumor sul lancio di un nuovo smartphone Mi Mix Alpha che potrebbe riprendere alcune delle caratteristiche racchiuse nel nuovo concept. E’ però ancora prematuro avanzare previsioni.

No Comments

Post A Comment