NASA SPHEREx, la missione partir nel 2024 a bordo di un razzo Falcon 9 | Web Agency Brescia
11224
post-template-default,single,single-post,postid-11224,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

NASA SPHEREx, la missione partir nel 2024 a bordo di un razzo Falcon 9

NASA SPHEREx, la missione partir nel 2024 a bordo di un razzo Falcon 9

NASA SPHEREx, la missione partir nel 2024 a bordo di un razzo Falcon 9


Nuova missione scientifica per la NASA che ancora una volta volge gli occhi al cielo per cercare i segni della nascita dell’universo, i modi in cui si sono sviluppate le galassie, la vita e molto altro. la missione si chiamerà SPHEREx (Spectro-Photometer for the History of the Universe, Epoch of Reionization e Ices Explorer) e sarà un’iniziativa di tipo astrofisico la cui durata è stata pianificata per circa 2 anni. L’obiettivo è esaminare il cielo nello spettro dell’infrarosso, che, sebbene non visibile all’occhio umano, funge da potente strumento per rispondere a molte delle domande sull’origine dell’universo conosciuto e tutto ciò che è arrivato a seguire.

Gli obiettivi sono imponenti, si vuole utilizzare la missione per raccogliere dati su oltre 300 milioni di galassie e su più di 100 milioni di stelle nella nostra galassia, la Via Lattea.

Lo strumento Spettrofotometro consentirà di trovare segni di acqua e molecole organiche, essenziali nei processi vitali simili a quelli terrestri, con un occhio particolare alle regioni in cui le stelle nascono da gas e polveri, note come vivai stellari, nonché all’interno dei dischi posizionati attorno alle stelle, ossia quelle che si pensa possano aver dato il via alla formazione di nuovi pianeti. Se l’argomento è di vostro interesse vi consigliamo di dare un occhio ad un nostro speciale sull’origine della vita e ciò che sappiamo ad oggi per quanto riguarda il nostro Sistema Solare.

Il costo totale per il lancio di SPHEREx da parte della NASA sarà di circa 98,8 milioni di dollari, cifra che include il servizio di lancio e altri costi relativi alla missione. A questo proposito, è stata scelta proprio SpaceX per un avvio di missione previsto a giugno del 2024, che avverrà a bordo di un razzo Falcon 9 dallo Space Launch Complex-4E, presso la base aerea di Vandenberg, in California.

Il Launch Services Program della NASA presso il Kennedy Space Center dell’agenzia in Florida gestirà l’intera operazione di lancio. La missione, finanziata dalla Divisione Astrofisica della Direzione della Missione Scientifica della NASA presso la sede dell’agenzia a Washington, è guidata dall’Explorer’s Program presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. Il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California è responsabile della gestione complessiva del progetto, dell’ingegneria dei sistemi, dell’integrazione, dei test e delle operazioni di missione.

A proposito di missioni basate sul collaudatissimo razzo di SpaceX, dopo diversi ritardi anche l’ultima missione Starlink della settimana potrebbe prendere il via nelle prossime ore, infatti, domenica mattina è prevista l’apertura della finestra di lancio, meteo permettendo naturalmente.

No Comments

Post A Comment