Volete il Super Cashback? Ecco perch sempre pi difficile ottenerlo | Web Agency Brescia
11266
post-template-default,single,single-post,postid-11266,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Volete il Super Cashback? Ecco perch sempre pi difficile ottenerlo

Volete il Super Cashback? Ecco perch sempre pi difficile ottenerlo

Volete il Super Cashback? Ecco perch sempre pi difficile ottenerlo


Quante transazioni servono per incassare il Super Cashback? La domanda è attuale, e probabilmente se la stanno facendo tutti coloro i quali, attivato il Cashback di Stato, guardano speranzosamente alla possibilità di ricevere il bonus extra da 1500 euro dedicato ai consumatori più “fedeli”.

Il Super Cashback infatti è un premio da 1500 euro che verrà assegnato ogni sei mesi ai primi 100.000 cittadini che effettueranno il numero più alto di pagamenti validi con moneta elettronica, intesa come tutti i metodi di pagamento diversi dal contante ed effettuati con circuiti telematici, dai bancomat alle carte di credito e debito.

Dunque, la risposta alla domanda iniziale è che il numero di transazioni necessarie per ambire al premio è in continuo aggiornamento, proprio come la classifica che le registra, disponibile nella sezione cashback dell’app IO.

AD OGGI BISOGNA EFFETTUARE 1,53 TRANSAZIONI AL GIORNO


Volete il Super Cashback? Ecco perch sempre pi difficile ottenerlo

Al momento, l’utente che temporaneamente occupa il 100.000 posto, e che quindi rappresenta il traguardo minimo da raggiungere per entrare in classifica, ha effettuato 61 transazioni valide. Dividendo la cifra per il numero di giorni trascorsi dall’inizio del Super Cashback, la media da mantenere sarebbe di circa 1,53 transazioni al giorno, oppure 10,68 ogni settimana.

La media è aumentata rispetto alle settimane precedenti: si attestava intorno a 1,32 transazioni al giorno a fine gennaio e 1,51 transazioni al giorno all’inizio di febbraio. Ovviamente si tratta di un calcolo indicativo, perché trascorrono diversi giorni prima che le spese siano conteggiate in modo definitivo.

QUANTE ENTRO GIUGNO?


Volete il Super Cashback? Ecco perch sempre pi difficile ottenerlo

Ciò che è certo è che, per chi dovesse iniziare adesso, si tratta di una rincorsa, anzi di una scalata decisamente impegnativa: in base ai dati aggiornati ad oggi sul portale dell’app IO, i cittadini che hanno raggiunto la soglia delle 50 transazioni sono 200.730, di cui:

  • 91.310 utenti hanno totalizzato per il momento tra le 50 e le 59 transazioni;
  • 46.129 utenti tra le 60 e le 69 transazioni;
  • 25.292 utenti tra le 70 e le 79 transazioni;
  • 14.161 utenti tra 80 e 89 transazioni;
  • 8.120 utenti tra le 90 e le 99 transazioni;
  • 15.718 utenti oltre 100 transazioni.

Quindi al momento a concorrere per il Super Cashback, che premia i primi 100.000 utenti per numero di transazioni, sono solo una porzione di quelli che al momento hanno totalizzato tra 60 e 69 transazioni. Un numero destinato a crescere: sulla base del trend attuale, entro fine giugno potrebbe essere necessario effettuare circa 280 transazioni per rientrare nella classifica definitiva, che sarà pubblicata il 10 luglio 2021.

LA SCORCIATOIA DEI FURBI


Volete il Super Cashback? Ecco perch sempre pi difficile ottenerlo

In tutto ciò, c’è da considerare la questione degli utenti che hanno deciso di sfruttare delle scappatoie per gonfiare il proprio numero di transazioni, tentando così la scalata alla classifica per puntare al Super Cashback.

La prima, significativa anomalia l’avevamo segnalata una decina di giorni dopo l’inizio del corrente periodo Cahsback: già ai primi di gennaio infatti il primo in classifica aveva quasi 300 transazioni all’attivo, con una stupefacente media di 30 transazioni al giorno che avevano fatto pensare a una forzatura del sistema, da cui le nostre ipotesi.

È scoppiato invece in questi giorni il caso degli utenti che stanno utilizzando i distributori di carburante per fare micro-rifornimenti a raffica pagati con bancomat e carte di credito: lo scopo è sempre lo stesso, ovvero far lievitare oltremisura il numero delle proprie transazioni elettroniche.

A quanto pare, le segnalazioni arrivano sempre più numerose: si sono registrati casi di automobilisti che hanno speso quasi un’ora alla pompa di benzina per fare una sessantina di operazioni a fronte di pochi litri di carburante versati nel serbatoio.

Volete il Super Cashback? Ecco perch sempre pi difficile ottenerlo

Per i distributori è un problema perché ci sono le commissioni delle carte di credito, che in alcuni casi possono essere penalizzanti, a cui si aggiungono anche il costo legato all’elettricità e alla produzione di decine e decine di ricevute inutili, senza escludere eventuali problemi di ordine pubblico qualora dovessero verificarsi molte emulazioni.

Per il momento non è possibile farci nulla, perché il problema del “frazionamento degli acquisti” era presente anche ai tempi della scrittura della norma, e nelle bozze dei regolamenti per il cashback era infatti vietato. Alla fine però il passaggio è stato espunto dalla versione finale del decreto, probabilmente per la difficoltà di individuare le operazioni fasulle (a questo proposito, in Fonte c’è il link al regolamento sulla Gazzetta Ufficiale; l’articolo 8 è quello dedicato al Super Cashback).

L’ipotesi di vietare più acquisti in uno stesso esercizio nel medesimo giorno avrebbe penalizzato chi, in buona fede, si recasse più di una volta nello stesso esercizio magari in due momenti diversi della giornata, ad esempio per un caffè al bar fuori dall’ufficio o per comprare il latte dimenticato nella prima spesa.

Per questo motivo una proposta potrebbe essere di vietare le operazioni ripetute nel giro di un lasso di tempo ristretto, nell’ordine dei secondi o dei minuti. Al momento, questi comportamenti anomali non trovano una condanna esplicita nella norma, motivo per cui si guarda al Ministero dell’Economia e delle Finanze per risolvere la questione, aggiungendo qualche specifica.

No Comments

Post A Comment