Cyberpunk 2077 e The Witcher 3, gi finita l'asta dei file rubati a CDPR | Rumor | Web Agency Brescia
11293
post-template-default,single,single-post,postid-11293,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Cyberpunk 2077 e The Witcher 3, gi finita l’asta dei file rubati a CDPR | Rumor

Cyberpunk 2077 e The Witcher 3, gi finita l'asta dei file rubati a CDPR | Rumor

Cyberpunk 2077 e The Witcher 3, gi finita l’asta dei file rubati a CDPR | Rumor


Si è conclusa in fretta l’asta dei file rubati a CD Projekt, lo studio polacco di videogiochi come The Witcher e Cyberpunk 2077: gli hacker hanno confermato di aver ricevuto un’offerta al di fuori dei forum. Come è lecito immaginare, il compratore è rimasto anonimo, e non ci sono dettagli sull’ammontare dell’offerta.

L’unica cosa che si sa è che il compratore ha richiesto assicurazioni sul fatto che i dati rubati non saranno copiati e rivenduti in un secondo tempo. Vale la pena ricordare che gli hacker avevano impostato 1 milione di dollari come base d’asta, rilanci in step di 500.000 dollari e un’opzione “compra subito” a 7 milioni. L’asta si è aperta appena poche ore fa – per la precisione alle 11:00 ora italiana.

Ricordiamo che il dump includeva il codice sorgente di diversi giochi dello studio polacco, tra cui The Witcher 3 (inclusa una variante con supporto al ray tracing ancora inedita), Cyberpunk 2077 e Gwent (o Thronebreaker, non è perfettamente chiaro) e un gran numero di documenti provenienti da vari uffici – legale, risorse umane e contabilità inclusi. l’attacco hacker era stato annunciato pubblicamente da CDP stessa l’altro ieri: l’azienda ha detto che i dati di utenti e dipendenti (anche ex) non erano stati compromessi, e che non avrebbe condotto nessuna trattativa con i ladri.

No Comments

Post A Comment