Google Stadia mente sul 4K@60FPS: class action negli USA | Web Agency Brescia
11474
post-template-default,single,single-post,postid-11474,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Google Stadia mente sul 4K@60FPS: class action negli USA

Google Stadia mente sul 4K@60FPS: class action negli USA

Google Stadia mente sul 4K@60FPS: class action negli USA


Google Stadia mente sul 4K, secondo una class action depositata a New York che coinvolge anche alcuni sviluppatori come la neo-trentenne id Software e Bungie. La tesi dell’accusa è che titoli come Doom Eternal e Destiny 2 non raggiungono la risoluzione 4K@60 FPS promessa dall’abbonamento Pro: Destiny viene renderizzato in FHD 1080p e sottoposto a un processo di upscaling a 2160p, mentre per Doom Eternal l’output è leggermente più alto – 1800p, che vengono poi ingranditi a 2160p.

Google si nasconde dietro a un po’ di tecnicismo – dice che l’output finale è sempre in 4K, ma che le tecniche impiegate per arrivarci, a questa risoluzione, possono essere diverse. Quindi se in qualcuno dei passaggi intermedi dai server di Google allo schermo dell’utente ci scappa un po’ di upscaling, tutto regolare. Ma chi ha comprato la Founder’s o la Premier Edition con la speranza di 4K vero, nativo, costante e super fluido, o paga 9€ al mese di abbonamento Pro potrebbe non essere troppo d’accordo.

No Comments

Post A Comment