GameStop, cambio al vertice dopo il boom a Wall Street: si dimette il CFO Jim Bell | Web Agency Brescia
11487
post-template-default,single,single-post,postid-11487,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

GameStop, cambio al vertice dopo il boom a Wall Street: si dimette il CFO Jim Bell

GameStop, cambio al vertice dopo il boom a Wall Street: si dimette il CFO Jim Bell

GameStop, cambio al vertice dopo il boom a Wall Street: si dimette il CFO Jim Bell


GameStop è stata inaspettatamente al centro dell’attenzione pubblica globale nell’ultimo mese per via dell’esplosione in borsa organizzata su Reddit per colpire i fondi speculativi che invece scommettevano sulle sorti negative dell’azienda, già in crisi da tempo e costretta a chiudere centinaia di punti vendita come effetto di un settore sempre più espanso e frammentato tra contenuti digitali e store online.

Dopo la “sbornia” di questi giorni, però, serve tornare a confrontarsi con la realtà del mercato videoludico e pianificare un futuro per l’azienda. In quest’ottica GameStop sembra andare incontro ad un tentativo di rinnovamento, dato che il Chief Financial Officier Jim Bell ha rassegnato le proprie dimissioni, che saranno effettive a partire dal 26 marzo.

L’azienda non ha comunicato ancora chi raccoglierà l’eredità di Bell né le ragioni dietro questa scelta, che si vocifera (come riporta Forbes) sia stata indotta dal consiglio di amministrazione ormai convinto che non fosse lui la persona giusta per traghettare l’azienda in questo delicato periodo di transizione e di conversione verso le attività di e-commerce: un punto cruciale già prima della pandemia, figuriamoci ora che gli store fisici sono vulnerabili a possibili chiusure e oltretutto non hanno potuto accompagnare come al solito il day one delle console di nuova generazione per evitare assembramenti.

Il rischio da scongiurare è quello di fare la fine di Blockbuster, una catena con una leadership assoluta nel proprio settore, ma che è stata schiacciata dalla rapida evoluzione del mercato, che ha reso quel modello di business sempre più marginale fino ad annullarlo completamente.

La ristrutturazione interna dell’azienda non dovrebbe limitarsi alla sola carica di CFO abbandonata da Bell ma dovrebbe riguardare anche altri quadri dirigenziali con nuovi innesti provenienti da Amazon, Chewy e Walmart. L’anno scorso la campagna acquisti di GameStop aveva messo a segno un bel colpo con Reggie-Fils Aime, uno dei volti più noti e amati della scena videoludica dopo essere stato per 13 anni il Presidente di Nintendo of America.

No Comments

Post A Comment