Bill Gates: no ai Bitcoin, s ad Android | Web Agency Brescia
11523
post-template-default,single,single-post,postid-11523,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Bill Gates: no ai Bitcoin, s ad Android

Bill Gates: no ai Bitcoin, s ad Android

Bill Gates: no ai Bitcoin, s ad Android


Bill Gates sì è pronunciato su alcuni temi caldi e lo ha fatto usando una piattaforma molto chiacchierata, che dimostra evidentemente di apprezzare. Nell’intervista rilasciata su Clubhouse a Andrew Sorkin, giornalista del NYT, il fondatore di Microsoft ha confermato di non essere interessato ai Bitcoin e di preferire gli smartphone Android agli iPhone. Gates ha ribadito la sua diffidenza nei confronti dei Bitcoin nell’intervista pubblicata ieri da Bloomberg.

SE AVETE MENO SOLDI DI MUSK, ATTENZIONE AI BITCOIN

Il tema dei Bitcoin è tornato alla ribalta negli ultimi tempi perché personaggi noti lo hanno più o meno direttamente avallato. L’esempio più lampante è quello di Tesla che all’inizio del mese ha investito 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin. Ma Musk, si sa, è un mattacchione visionario, o meglio, un ricchissimo mattacchione visionario che può permettersi il lusso di investire in beni dal valore altamente volatile. Per le persone più pragmatiche (e non tanto meno ricche, intendiamoci) come Bill Gates, invece, i Bitcoin non sono la forma di investimento migliore.


Bill Gates: no ai Bitcoin, s ad Android




Economia e mercato
05 Gen



Bill Gates: no ai Bitcoin, s ad Android




Apple
16 Feb


L’ex numero uno di Microsoft dice al riguardo a Bloomberg:

Musk ha un sacco di soldi ed è un investitore molto sofisticato, quindi non si preoccupa se il suo Bitcoin salirà o perderà valore in modo inatteso. Credo che le persone che si lasciano prendere da queste manie potrebbero non avere gli stessi soldi da spendere. Penso che se hai meno soldi di Elon, probabilmente dovresti stare attento.

Gates preferisce investire su aziende che realizzano prodotti, ad esempio quelle dell’industria farmaceutica che sviluppano i vaccini contro malaria e morbillo. A conferma dell’estrema volatilità dei Bitcoin, basti pensare che il record degli oltre 58.000 dollari toccato meno di una settimana fa è già un ricordo, il valore si attesta ora sui 46.000 dollari con un trend in calo.

L’INTRAMONTABILE DIATRIBA ANDROID VS IOS, VINCE IL ROBOTTINO

Dai Bitcoin ad Android il passo è breve, se l’intervista tra Gates e Sorkin si svolge su una piattaforma che per il momento è riservata solo all’utenza iPhone (l’app ufficiale di Clubhouse non è stata mai rilasciata per gli smartphone di Google). All’immancabile domanda se utilizza regolarmente un iPhone o se preferisce Android, Gates risponde:

In realtà utilizzo uno smartphone Android. Visto che voglio tenere traccia di tutto, spesso giocherello con gli iPhone, ma quello che porto con me è Android.

Ma non è una decisione basata su irrazionali scelte fideistiche: il pragmatismo emerge nuovamente quando Bill Gates motiva la sua decisione:

Alcuni produttori Android preinstallano il software di Microsoft in modo da semplificare le cose. Sono più flessibili su come il software si connette al sistema operativo. Ho finito per abituarmi a questo.


Bill Gates: no ai Bitcoin, s ad Android




Windows
07 Nov



Bill Gates: no ai Bitcoin, s ad Android




Android
07 Lug


Gates ribadisce così alcuni punti di forza di Android: la maggiore flessibilità della piattaforma e i minori vincoli imposti dai produttori di smartphone e da chi sviluppa il sistema operativo. Di acqua ne è passata sotto i ponti dal periodo in cui Microsoft avrebbe avuto la capacità e la forza per essere quello che è diventata Google con Android: l’antitesi di Apple e la società che ha sviluppato la piattaforma standard per i telefoni non-Apple. Così Gates definì Android nell’intervista in cui ammetteva che non contrastare la casa di Cupertino nel mercato mobile, lasciando così spazio a Google, è stato il suo più grande errore.

No Comments

Post A Comment