Starship SN10 sul launch pad, tutto pronto! Oggi il test ad alta quota | Web Agency Brescia
11589
post-template-default,single,single-post,postid-11589,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Starship SN10 sul launch pad, tutto pronto! Oggi il test ad alta quota

Starship SN10 sul launch pad, tutto pronto! Oggi il test ad alta quota

Starship SN10 sul launch pad, tutto pronto! Oggi il test ad alta quota


Dopo tutte le emozioni marziane dei giorni scorsi ritorniamo per un attimo con i piedi per terra per occuparci nuovamente di SpaceX e dei suoi test con Starship. Considerati i finali pirotecnici di SN8 e SN9 c’è grande attesa per il prototipo Starship SN10, il cui test ad alta quota potrebbe prendere vista nelle prossime ore, nella peggiore ipotesi nei prossimi giorni.

Per avere un quadro preciso è bene riassumere i più recenti eventi. Tutto è cominciato lunedì 22 febbraio, quando Christian Davenport del Washington Post ha confermato su Twitter che la licenza per il lancio di starship SN10 è stata concessa dalla FAA, l’organo statunitense assimilabile alla nostra ENAC. Arriviamo al test d’accensione statica dei motori avvenuto il 23 febbraio, in seguito al quale si è deciso di sostituire una delle tre unità Raptor per via di un comportamento anomalo, questo secondo quanto riportato da Elon Musk su Twitter.

Si è quindi programmato un test ulteriore avvenuto con successo solo il 25 febbraio, stavolta non sono state segnalate criticità e proprio nelle ultime ore sono arrivate diverse conferme che i tempi per un nuovo test di volo ad alta quota sono ormai maturi.

Come accaduto in precedenza con i test di Starship SN8 e SN9, o per altre operazioni critiche, sono stati inviati degli alert cartacei ai residenti nei pressi di Boca Chica, in Texas, dove si trova il sito di lancio di SpaceX. Si parlava inizialmente del 26 febbraio e di una finestra temporale compresa tra le 15:00 e le 00:00 secondo il nostro fuso orario, ma a quanto pare l’avviso alla popolazione è stato in seguito ritirato. Anche il successivo alert per la giornata del 2 marzo è saltato, tuttavia sapevamo che la settimana in corso sarebbe stata quella giusta e la conferma arriva dalla stessa SpaceX, che sulla sua pagina ufficiale indica il 3 marzo come giorno selezionato per il test, con date di riserva fissate per il 4 e il 5 marzo (come indicato dalla chiusura stradale nei pressi della base).

Nelle prossime ore seguiremo gli sviluppi cercando di aggiornarvi il prima possibile. Vi ricordiamo che durante il precedente test ad alta quota di Starship SN9 non ci sono state conferme fino a pochi minuti dal lancio, dunque è impossibile fare previsioni accurate al momento. La finestra di lancio resta la medesima indicata inizialmente.

L’obiettivo di questo lancio test resta il medesimo dei due che l’hanno preceduto, ossia far riatterrare in piedi l’astronave, e può essere così riassunto.

Starship SN10 comincerà la sua ascesa spinto dai tre motori Raptor, ciascuno dei quali si spegnerà in sequenza prima che il veicolo raggiunga l’apogeo (a circa 10 km di altitudine). SN10 eseguirà una transizione del propellente ai serbatoi interni prima di riorientarsi per il rientro e tentare una discesa aerodinamica controllata.

Il prototipo di Starship scenderà sotto il controllo aerodinamico attivo, realizzato dal movimento indipendente di due flap in avanti e due a poppa sul veicolo. Tutti e quattro i flap sono attivati ​​da un computer di bordo per controllare l’assetto dell’astronave durante il volo e consentire un atterraggio preciso nella posizione prevista. I motori Raptor di SN10 si riaccenderanno quindi quando il veicolo tenterà una manovra di capovolgimento in verticale, la famosa Belly Flop, immediatamente prima di atterrare sulla piattaforma adiacente al supporto di lancio.

Nelle prossime ore aggiorneremo la notizia con il link per seguire la diretta, ovviamente solo nel caso in cui SpaceX decida di offrirla. Maggiori informazioni entro fine giornata, stay tuned!

In caso di successo sarà il primo prototipo di astronave a portare a termine un atterraggio a terra di tipo propulsivo. Ma l’azienda fondata da Elon Musk non si ferma mai e, se Starship SN10 è ormai prossimo alla fatidica prova, nei capannoni di SpaceX si effettuano già i lavori di assemblaggio del prototipo SN15. Il nosecone della navicella è infatti apparso mostrandosi in fase avanzata di realizzazione.

crediti immagini RGVAerialPhotography

Nota: aggiornato al 03/03 con data lancio.

No Comments

Post A Comment