Diablo II Resurrected risorge davvero: sar compatibile con i salvataggi dell'originale | Web Agency Brescia
11640
post-template-default,single,single-post,postid-11640,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Diablo II Resurrected risorge davvero: sar compatibile con i salvataggi dell’originale

Diablo II Resurrected risorge davvero: sar compatibile con i salvataggi dell'originale

Diablo II Resurrected risorge davvero: sar compatibile con i salvataggi dell’originale


Se la prima volta che abbiamo giocato a Diablo II abbiamo pianto per l’inferno, quando metteremo le mani su Diablo II Resurrected invece saranno lacrime di nostalgia. Di questo eravamo già sicuri dopo lo spettacolare trailer mostrato al BlizzConline (dove è stato precisato che per Diablo IV invece ci sarà da aspettare oltre il 2021): tecnicamente c’è un salto in avanti che lo porta dal 2D originale (comunque accessibile con uno switch nelle opzioni= al 3D attuale, ma lo spirito e le meccaniche restano intatte e riconoscibili, anche nella penombra delle profondità ctonie.

E se per caso la nostalgia non vi bastasse così, gli sviluppatori hanno pensato bene di integrare una funzione che colpisce dritti al cuore: come dichiarato dal game producer Matthew Cederquist in occasione di un’intervista ad IGN, infatti, il gioco sarà compatibile con i salvataggi dell’originale.

Avete capito bene: se in qualche modo avete conservato gelosamente il vostro file di gioco per tutti questi anni, allora potrete resuscitare veramente il vostro personaggio, dopo qualche eone di sonno. La procedura sarà valida solo per i progressi relativi al single player offline: questo significa chequelli sulla versione legacy di Battle.net non potranno essere importati sul Battle.Net.

La compatibilità è estesa ai salvataggi della versione vanilla e di Diablo II Lord of Destruction, e difficilmente possiamo aspettarci di poterla trovare per Path of Diablo e Project D2, se non con apposite mod. Cederquist nel corso dell’intervista ha anche rivelato la genesi di questa feature, che è nata in maniera un po’ casuale:

A un certo punto ci siamo chiesti se i vecchi file di salvataggio sarebbero stati compatibili: li abbiamo grossomodo buttati dentro e sì, ha funzionato! E così abbiamo pensato “ok, questa è tipo la migliore feature di sempre.



No Comments

Post A Comment