Pokmon Diamante Lucente e Perla Splendente: Amazon Italia apre i preordini | Web Agency Brescia
11642
post-template-default,single,single-post,postid-11642,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Pokmon Diamante Lucente e Perla Splendente: Amazon Italia apre i preordini

Pokmon Diamante Lucente e Perla Splendente: Amazon Italia apre i preordini

Pokmon Diamante Lucente e Perla Splendente: Amazon Italia apre i preordini


Non si sa ancora quale sia la data di lancio ufficiale (per ora abbiamo solo un generico 2021), ma i preordini per Pokémon Diamante Lucente e Perla Splendente per Nintendo Switch, i remake degli originali usciti su DS nel lontano 2006, sono già aperti su Amazon Italia (il prezzo è di 59,9 euro).

I giochi, dopo essere stati svelati a fine febbraio nel corso dell’evento dedicato al franchise che abbiamo seguito live sul canale Twitch di HDBlog, hanno generato un’accesa discussione all’interno della community degli appassionati. In tanti erano impazienti di tornare a Sinnoh, ma non si aspettavano che l’approccio sarebbe stato così conservativo. D’altra parte, il centro della scena se l’è preso di potenza il nuovo progetto di Game Freak, Leggende Pokémon: Arceus, un open world che mira a stravolgere alcune meccaniche basilari della serie principale e ad aprire la strada ad un nuovo futuro per il brand.

Da una parte innovazione, dall’altra tradizione: Pokémon Diamante Lucente e Perla Splendente invece sono fedelissimi ai punti fermi della saga e ai giochi originali, di cui per quanto è stato mostrato sembrano devi veri e propri remake 1:1 – anche se ci aspettiamo qualche novità.

Lo stile grafico adottato non vuole trasporre il presente di Pokèmon a Sinnoh – che da Sole e Luna in avanti ha adottato per il protagonista, i personaggi e il mondo in generale proporzioni più realistiche -, ma si limita a portare Sinnoh nel presente, con un lifting al comparto tecnico: e quindi troviamo una regione tutta chibi, schiacciata, in uno strano mix tra i Let’s Go! e lo splendido effetto diorama di Link’s Awakening (un altro remake di un gioco 2d e portatile, non a caso), anche se qui nel complesso l’esito sembra decisamente meno riuscito sia sotto il profilo tecnico, sia sotto quello della coerenza artistica.

Sul lato dei contenuti, per fortuna pare proprio che come Rubino Omega e Zaffiro Alpha trattenevano elementi anche dal terzo capitolo generazionale, Smeraldo (tranne, ahinoi, la Torre Lotta), anche Diamante Lucente e Perla Splendente integrino quelli introdotti da Platino (al momento è tutto basato sulla posizione di un NPC, e non ci ulteriori sono riscontri: ma è un indizio che fa ben sperare).

Dopo gli annunci del Pokémon Presents, restano poi i dubbi legati al futuro della scena competitiva: sarà il mondo chibi-schiacciato-pressato-16:9 dei remake ad ospitare le prossime stagioni del VGC? Oppure si può sperare ancora in un’improbabile modalità multiplayer di Leggende (al momento sembra essere infatti un’esperienza esclusivamente single player, come indicato dal sito)? O forse gli allenatori di tutto il mondo resteranno confinati eternamente a Galar a scontare gli effetti del fenomeno Dynamax, meccanica rotta che più rotta non si può.

No Comments

Post A Comment