Il TV OLED arrotolabile di LG ha venduto solo 10 unit in Corea | Web Agency Brescia
11655
post-template-default,single,single-post,postid-11655,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Il TV OLED arrotolabile di LG ha venduto solo 10 unit in Corea

Il TV OLED arrotolabile di LG ha venduto solo 10 unit in Corea

Il TV OLED arrotolabile di LG ha venduto solo 10 unit in Corea


Il TV OLED arrotolabile di LG ha fatto registrare ad oggi vendite molto contenute. Il Signature da 65″ serie RX, in commercio dallo scorso ottobre in Corea del Sud, avrebbe venduto solo 10 unità secondo quanto riportato da JoongAng Daily. A limitarne la diffusione e l’appetibilità è sicuramente il prezzo: per entrare il possesso di questa primizia tecnologica sono necessari ben 100 milioni di won, circa 74.000 euro. Si tratta del resto di un prodotto tutt’altro che facile da produrre, come hanno dimostrato i numerosi ritardi che ne hanno rimandato il debutto sul mercato per lungo tempo. Il prodotto doveva infatti arrivare già nel 2019 con la sigla R9, il nome con cui era stato presentato ufficialmente al CES.

Le varie problematiche riscontrate hanno dapprima portato a ripresentare il televisore un anno dopo come Signature RX, e hanno poi costretto LG a rinviare il lancio su scala globale ad una data tuttora non definita, tanto che ad oggi questo modello si può acquistare solo in Corea. Ovviamente la stessa fonte che ha fornito i numeri sulle vendite le definisce un parametro non essenziale per giudicare il successo dell’operazione. L’OLED RX non è sicuramente un prodotto per le masse e il suo scopo non è quindi il raggiungimento di una platea di consumatori il più ampia possibile. Sappiamo infatti che la produzione di ogni esemplare viene avviata solo a seguito di un ordine ricevuto.

Il TV Signature RX costituisce una sorta di vetrina per la tecnologia impiegata, sia per quanto riguarda gli schermi arrotolabili sia per dimostrare la notevole versatilità degli OLED, ormai tra i principali cavalli di battaglia del marchio coreano. Per questi motivi LG può non considerarlo un insuccesso anche con numeri così esigui. Il mancato annuncio di novità al CES 2021 (nessuno spazio per nuovi modelli, tagli o per annunciare la commercializzazione in altri Paesi) dimostra però che non ci sarà un’ampliamento della gamma: RX resterà quasi sicuramente un “unicum” anche nel prossimo futuro.

No Comments

Post A Comment