iCloud, se di cognome fai "True" non hai accesso al servizio. Cosa successo | Web Agency Brescia
11665
post-template-default,single,single-post,postid-11665,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

iCloud, se di cognome fai “True” non hai accesso al servizio. Cosa successo

iCloud, se di cognome fai "True" non hai accesso al servizio. Cosa successo

iCloud, se di cognome fai “True” non hai accesso al servizio. Cosa successo


L’attrice e scrittrice statunitense Rachel True si è resa protagonista di uno spiacevole (ma insolito) episodio: per circa sei mesi, la donna non ha potuto accedere al suo account iCloud a causa di un bug di codifica dovuto a un’errata interpretazione del suo cognome.

Nella fattispecie, come riportano numerose testate internazionali, il servizio di cloud della Mela interpreterebbe il cognome “True” come un flag booleano, la variabile che può assumere soltanto due valori: “vero” o “falso”. Non lo rileverebbe, quindi, come un normale campo di testo da immettere nello spazio dedicato alle generalità dell’utente.

Su Twitter, la donna ha ricostruito la vicenda mostrando la schermata in cui appare il messaggio di errore di Apple, “iCloud ha smesso di funzionare“. Venendo al problema, dai dettagli si evince che a mandare in tilt il sistema è stata l’impossibilità di impostare il valore “true” (tradotto: vero) sulla proprietà “lastName” (cognome).

Un errore nella scrittura del codice lato server avrebbe, dunque, generato il bug. Ad aggravare la situazione è il fatto che la donna, che nel frattempo ha continuato a pagare il servizio per non perdere i propri dati personali, non è riuscita a risolvere la criticità nemmeno dopo aver trascorso ore al telefono con il servizio clienti di Apple.

Dopo il tam tam mediatico e l’ilarità che ha scatenato la vicenda sui social, Rachel True avrà sicuramente qualche chance in più per recuperare l’accesso al suo account.

Photo credits: Shutterstock | DestroLove

No Comments

Post A Comment