Apple invita gli utenti di Microsoft Edge su macOS a provare Safari | Web Agency Brescia
11684
post-template-default,single,single-post,postid-11684,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Apple invita gli utenti di Microsoft Edge su macOS a provare Safari

Apple invita gli utenti di Microsoft Edge su macOS a provare Safari

Apple invita gli utenti di Microsoft Edge su macOS a provare Safari


Chi usa Microsoft Edge su un Mac viene ora invitato a provare Safari attraverso una notifica apposta: prosegue quindi una pratica pubblicitaria in cui i grandi protagonisti del settore usano le proprie piattaforme, operative o Web, per promuovere i loro browser. Uno degli esempi più famosi è l’invito a provare Chrome sulla pagina iniziale di Google; Microsoft fa lo stesso con Edge in Windows 10. Fa sorridere osservare che tutti dicono più o meno sempre la stessa cosa: il mio browser è più veloce, sicuro, consuma meno…

È comunque interessante che Apple decida di puntare al browser di Microsoft. Potremmo interpretarlo come un segno del fatto che la Mela lo ritiene una minaccia concreta e preferisca cercare di stroncarlo sul nascere. Edge ha debuttato sul mercato insieme a Windows 10, ma la sua prima incarnazione non ha avuto molto successo. Si basava sul motore proprietario EdgeHTML, ed era esclusivo proprio per Windows 10 e la controparte mobile; Microsoft puntava molto sul mondo smartphone per fare da lancio a Edge, ma la scommessa non ha funzionato ed Edge è rimasto al palo, complice anche un sistema di aggiornamenti legato ai major update di Windows (due l’anno) che lasciava il browser in uno stato di perenne inseguimento rispetto ai concorrenti, che si aggiornavano a ritmi ben più serrati.

Due anni circa fa, però, Microsoft ha deciso di cambiare passo in modo deciso: ha annunciato che il browser sarebbe rinato basandosi su Chromium, il codice open-source mantenuto da Google da cui nascono Chrome stesso, Opera, Vivaldi, Samsung Internet e molti altri; e che sarebbe stato reso disponibile su molte più piattaforme operative, incluso appunto macOS e iOS.

Apple invita gli utenti di Microsoft Edge su macOS a provare Safari

Dopo circa un anno di sviluppo con gli Insider, il nuovo Edge è arrivato ufficialmente sul mercato a inizio 2020; qualche mese dopo, Microsoft ha cominciato a eliminare da Windows 10 la versione legacy e sostituirla con quella basata su Chromium attraverso Windows Update. Sembra che l’operazione stia funzionando: i dati di NetMarketShare mostrano che attualmente è il secondo browser per diffusione nel mondo desktop, e le quote sono quasi raddoppiate rispetto al periodo EdgeHTML (ora siamo all’11,44%, prima non si arrivava nemmeno al 6%). Chrome continua a dominare in modo totale la scena, ma il passo avanti è evidente, e contribuisce a rafforzare la credibilità dell’idea di un ecosistema Microsoft trasversale e multipiattaforma. Appena ieri vi raccontavamo che la nuova incarnazione del browser sta arrivando anche su console Xbox, almeno per gli Insider.

In ogni caso, non sappiamo quanto estesa sia la campagna di marketing della Mela relativa a Safari. Al momento della stesura dell’articolo in Italia non abbiamo riscontri, e anche le segnalazioni dagli USA sono discordanti. È lecito assumere che almeno a qualcuno stia arrivando.

VIDEO

No Comments

Post A Comment