Valheim arriva anche su Switch? E intanto sfiora i 6 milioni di copie | Web Agency Brescia
11698
post-template-default,single,single-post,postid-11698,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Valheim arriva anche su Switch? E intanto sfiora i 6 milioni di copie

Valheim arriva anche su Switch? E intanto sfiora i 6 milioni di copie

Valheim arriva anche su Switch? E intanto sfiora i 6 milioni di copie


Valheim è il fenomeno videoludico del momento, con la media di più di un milione di copie vendute ogni sette giorni: se la settimana scorsa a un mese dal lancio il totale era di 5 milioni, oggi è di 5,7. Ad impressionare non è solo questo dato, ma anche quello dei giocatori attivi in contemporanea, a dimostrazione del fatto che chi compra il titolo poi non lo accantona, anzi: con 500.000 player qualche settimana fa è infatti entrato nella top 10 di sempre su Steam, superando colossi come Dota 2, per dirne uno.

Insomma, un successo incontenibile e che sembra conservare lo stesso ritmo anche a più di un mese di distanza dal lancio, ed è quindi normale che si cominci a parlare di porting. In questo senso Dan Hernberg, l’Head of Production di Panic Button (studio specializzato proprio nel porting di titoli su Switch), nel corso di un’intervista concessa a Nintendolife si è offerto per occuparsi della trasposizione di Valheim sull’ibrida Nintendo. Hernberg ha infatti affermato di essersi molto appassionato al titolo di Iron Gate, da qui il desiderio di metterci le mani sopra.

A livello tecnico Valheim è un gioco flessibile e basato su Unity, che non punta tanto sul mostrare i muscoli nel dettaglio ma sulla resa di insieme, con uno stile che ricorda Zelda Breath of The Wild: certo, di qui a vederlo girare senza patemi su Switch ne passa. Anche se Panic Button ha fatto vedere cose egregie proprio sulla piccola di casa Nintendo: basti citare il recente Doom Eternal, che non era sicuramente un’impresa facile considerando la necessità di coniugare una buona resa grafica a un frame rate stabile per non guastare il flusso del rip and tear caratteristico della saga. E non dimentichiamo, comunque, che magari la soluzione potrebbe arrivare con un nuovo modello dell’ibrida Nintendo, che secondo i rumor è praticamente certo sarà lanciato nel 2021, con supporto al 4K e schermo OLED.

No Comments

Post A Comment