Perseverance omaggia i Navajo, il primo obiettivo si chiama Maz | Nuove foto | Web Agency Brescia
11749
post-template-default,single,single-post,postid-11749,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Perseverance omaggia i Navajo, il primo obiettivo si chiama Maz | Nuove foto

Perseverance omaggia i Navajo, il primo obiettivo si chiama Maz | Nuove foto

Perseverance omaggia i Navajo, il primo obiettivo si chiama Maz | Nuove foto


Il lavoro del rover Perseverance su Marte procede nel migliore dei modi e il fatto che fino ad oggi non è stata registrata nessuna criticità ne è la prova. I test sugli strumenti hanno dato esito positivo, tutti i sistemi funzionano a dovere e dopo aver percorso i primi metri sul suolo marziano abbiamo nuovi aggiornamenti sugli obiettivi scientifici della missione.

Come vi avevamo anticipato qualche giorno fa la prima roccia test è stata individuata ed è stata oggetto dei primi test con il laser (il cui audio è stato registrato). Il suo nome ora è stato ufficializzato, si chiama “Máaz” e in lingua Navajo significa Marte. E non sarà l’unico, infatti, il presidente della Navajo Nation Jonathan Nez, il vicepresidente Myron Lizer ei loro consiglieri hanno messo a disposizione del team del rover un elenco di parole in lingua Navajo.

Sappiamo che alcuni termini sono stati ispirati proprio dall’aspetto della superficie marziana vista con gli occhi di Perseverance nella zona di atterraggio e lo stesso nome del rover è stato tradotto in “Ha’ahóni”. Esiste già un elenco di 50 nomi con cui iniziare ma se ne utilizzeranno molti di più, visto che il team del JPL responsabile per il nuovo rover lavorerà con la Navajo Nation su più nomi in futuro mentre il rover continuerà le sue operazioni su Marte. Queste le parole del presidente della Navajo Nation Jonathan Nez.

“La partnership che l’amministrazione Nez-Lizer ha costruito con la NASA aiuterà a rivitalizzare la nostra lingua Navajo. Ci auguriamo che il suo utilizzo nella missione Perseverance ispiri un maggior numero di giovani navajo a comprendere l’importanza e il significato dell’apprendimento della nostra lingua.”

In chiusura vi lasciamo ad alcune tra le più recenti immagini arrivate da Marte, compresa la bellissima foto visibile anche in testata, che immortala il rover da una visuale inferiore inedita e fa intravedere l’elicottero Ingenuity protetto sotto la scocca.

No Comments

Post A Comment