Amazon Luna, ora anche i Samsung Galaxy S21 sono compatibili | Web Agency Brescia
11874
post-template-default,single,single-post,postid-11874,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Amazon Luna, ora anche i Samsung Galaxy S21 sono compatibili

Amazon Luna, ora anche i Samsung Galaxy S21 sono compatibili

Amazon Luna, ora anche i Samsung Galaxy S21 sono compatibili


Amazon Luna è una realtà visibile ma ancora lontana, proprio come il nostro satellite: in USA è disponibile in early access da ottobre, a dicembre è arrivato anche su alcuni dispositivi Android (la lista si è ampliata a fine gennaio), e da poco più di un mese non occorre più un invito per provare il servizio, almeno se lo si usa tramite una Fire TV.

Uno degli orizzonti che possono determinare il successo del cloud gaming è sicuramente costituito dall’esperienza mobile: il fatto di non dover dipendere dall’hardware non solo consente di giocare sul proprio PC a titoli che non sarebbero in grado di girarvi, normalmente, ma permette di farlo praticamente ovunque, e potenzialmente su qualsiasi dispositivo che sia dotato di uno schermo e di una connessione ad internet – e Microsoft sta spingendo molto forte su questo fronte con Game Pass Ultimate, che include anche il servizio per giocate in streaming, xCloud.

Dall’account Twitter ufficiale di Amazon Luna è arrivata la conferma che i nuovi flagship di Samsung, ovvero Galaxy S21, S21+ e S21 Ultra, vanno ad arricchire il catalogo di smartphone supportati dalla piattaforma: un’informazione di cui prendere nota per quando la piattaforma sarà attiva anche da noi.

Attualmente Amazon Luna presenta due opzioni: Luna Plus da 5,99 dollari e il pacchetto di Ubisoft+ (ma in futuro ne arriveranno altri). La struttura sarà diversa rispetto a quella di Microsoft xCloud e di Google Stadia, lo sappiamo fin dal lancio, e sarà più simile a quella dei pacchetti delle pay-tv, consentendo all’utente di scegliere la quantità e il tipo dei contenuti da pagare, componendo e personalizzando l’offerta.

(aggiornamento del 21 marzo 2021, ore 21:04)

No Comments

Post A Comment