DJI Mavic 3 si fa intravedere in un primo disegno: aspettative molto alte | Web Agency Brescia
11868
post-template-default,single,single-post,postid-11868,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

DJI Mavic 3 si fa intravedere in un primo disegno: aspettative molto alte

DJI Mavic 3 si fa intravedere in un primo disegno: aspettative molto alte

DJI Mavic 3 si fa intravedere in un primo disegno: aspettative molto alte


La serie Mavic di DJI è sicuramente la più apprezzata a livello mondiale quando si parla di droni o quadricotteri. Commercialmente l’azienda ha lavorato molto bene e tutti i prodotti del brand hanno un ottimo rapporto qualità/prezzo e, cosa ancora più importante, pochissima concorrenza se guardiamo soprattutto alla notorietà delle altre aziende in questo settore.

Dopo il DJI Mavic Air 2 – recensione -, prodotto unico nel suo genere, l’attesa è tutta verso la nuova generazione di fascia più alta e che andrà a sostituire Zoom e Pro. Oggi vi mostriamo il primo disegno di quello che potrebbe verosimilmente essere l’aspetto del prossimo DJI Mavic 3, un drone che ha due importanti compiti:

  • migliorare sensibilmente la qualità video arrivando al 4K a 120fps con un ottica nettamente migliore dei precedenti e con un sensore molto più grande
  • introdurre un nuovo sistema di AI in grado di gestire l’evitamento degli ostacoli, il follow me e la gestione degli elementi intorno al campo visivo del drone, in modo nettamente più avanzato come alcuni competitor stanno già facendo da qualche mese a questa parte.

Dal disegno che vi riportiamo sopra, sembra che Mavic 3 possa essere il Drone perfetto. Sistema di chiusura ali mantenuto, ottima trasportabilità, sensore d’immagine e ottica molto più grande (sarebbe bello poterla anche sostituire come sui modelli professionali) e tanti elementi aerodinamici che sembrano indicare un miglior comportamento in volo, una gestione dei flussi d’aria ottimizzata (anche forse per raffreddare la batteria), e tanti sensori laterali e frontali che speriamo possano permettere al drone di “volare in autonomia” evitando gli ostacoli anche piccoli.

Sebbene volare non a vista, a distanze lunghe e con sistemi di automazione come il follow me sia vietato o comunque soggetto a restrizioni e regole particolari, un Mavic 3 con tutte queste caratteristiche potrebbe essere molto interessante per usi professionali e non solo. Per il momento non sappiamo altro ma l’aspettativa è che questo prodotto possa arrivare entro il 2022.

No Comments

Post A Comment