Too Good To Go: dopo il servizio delle Iene, impennata di successo in Italia | Web Agency Brescia
11866
post-template-default,single,single-post,postid-11866,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Too Good To Go: dopo il servizio delle Iene, impennata di successo in Italia

Too Good To Go: dopo il servizio delle Iene, impennata di successo in Italia

Too Good To Go: dopo il servizio delle Iene, impennata di successo in Italia


Too Good To Go: dopo il servizio delle Iene, impennata di successo in Italia

Una vera e propria impennata non solo di download ma di impatto mediatico. Negli ultimi giorni, grazie ad un servizio andato in onda nella trasmissione “Le Iene”, l’applicazione Too Good To Go ha iniziato a viaggiare attraverso i principali canali social, programmi di messaggistica e chat in Italia. Un software noto da tempo ma che ha ritrovato nuova spinta grazie alla segnalazione del programma e al momento di attuale crisi generale.

COME FUZIONA Too Good To Go


Too Good To Go: dopo il servizio delle Iene, impennata di successo in Italia

L’idea alla base è molto semplice: permettere ai commercianti fisici che lavorano nella ristorazione, dai bar, ai ristoranti, passando per rosticcerie e aperitivi, di evitare gli sprechi e vendere prodotti a fine giornata a prezzi molto vantaggiosi pur di non dover buttare materiale o merce.

lCome detto l’app Too Good To Go non è nuova e anzi, è già da tempo il software numero 1 al mondo per combattere gli sprechi di cibo. Con Too Good To Go è possibile acquistare una magic box con l’invenduto del giorno. In pratica non potrete andare dal negoziante e chiedere esattamente quello che volete, ma voi prenoterete ad un costo compreso tra i 2,99 e i 10€ mediamente, una scatola magica con dentro l’invenduto del negozio che, non solo sarà freschissimo, ma spesso è addirittura cucinato al momento.

Ogni anno, un terzo di tutto il cibo prodotto nel mondo viene buttato. Con Too Good To Go vogliamo mettere fine agli sprechi e contribuire a creare un mondo in cui il cibo prodotto è solo il cibo consumato. Milioni di pasti sono già stati salvati e consumati grazie a Too Good To Go. Anche tu vorresti mangiare bene spendendo poco? Anche tu vorresti dare il tuo contributo all’ambiente? Allora scarica subito l’app e unisciti alla rivoluzione!

COME E QUANTO RITIRARE UNA MAGIC BOX


Too Good To Go: dopo il servizio delle Iene, impennata di successo in Italia

Il programma è semplicissimo, vi geolocalizza e trova tutti gli esercenti che hanno a disposizione una magic box nella vostra zona. Vedrete il costo e l’orario a cui è possibile ritirarla. Essendo invenduto, mediamente gli orari possibili sono dopo pranzo, prima di cena o dopo cena a seconda della chiusura di quell’attività commerciale.

Da sottolineare che per invenduto non si intendono prodotti in scadenza, ma semplicemente panini, pizze, pasti pronti, bevante o altro che, preparate nelle ore prima, sono rimaste ferme nelle vetrine. Moltissime le pasticcerie per esempio che permettono di acquistare a pochi Euro, tantissimi dolci che costerebbero mediamente il 50% in più.

Da sottolineare che per le pizzerie spesso le pizze sono preparate al momento ma gli ingredienti sono quelli rimasti. Per esempio potreste trovarvi una Napoli perchè il barattolo delle acciughe è quasi finito e basta per una sola pizza e non ha senso portarlo al giorno dopo. O magari una Wurstel e patate perchè è rimasto mezzo Wurstel e poche patatine. Insomma, il concetto è semplice: evitare sprechi ma offrire cibo di qualità.

QUANTO SI RISPARMIA CON Too Good To Go


Too Good To Go: dopo il servizio delle Iene, impennata di successo in Italia

Abbiamo usato per alcuni giorni il programma e il risultato è stato più che soddisfacente. Sebbene non sia possibile scegliere e sapere cosa ci sia all’interno della magix box, per tutti gli acquisti effettuati abbiamo trovato merce per un valore doppio se non triplo a quanto speso.

In pratica a fronte di 3 ci siamo ritrovati con un controvalore anche di 10€ sopratutto in panetterie e pasticcerie. Da sottolineare che nell’applicazione è anche specificato se bisogna presentarsi con un sacchetto o se bisogna contribuire all’imballaggio con un piccole extra. Di fatto il negoziante vi regala la merce cercando di rientrare del costo della materia prima e anche un pacchetto di cartone e un imballaggio possono essere un costo o uno “spreco” evitabile.

Insomma, provatela se volete una sorpresa:

No Comments

Post A Comment