Ufficiale: a Dazn i diritti della Serie A di calcio per il prossimo triennio | Web Agency Brescia
11952
post-template-default,single,single-post,postid-11952,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Ufficiale: a Dazn i diritti della Serie A di calcio per il prossimo triennio

Ufficiale: a Dazn i diritti della Serie A di calcio per il prossimo triennio

Ufficiale: a Dazn i diritti della Serie A di calcio per il prossimo triennio


Dopo settimane di grande incertezza, la Serie A ha finalmente deciso: sarà Dazn il broadcaster che provvederà a trasmettere le partite del nostro massimo campionato per i prossimi tre anni.

La decisione è arrivata oggi in occasione dell’Assemblea di Lega: con 16 voti a favore (compresi quelli di tutte le big) la massima serie ha optato per la piattaforma di streaming ex Perform Group.

Dazn si è aggiudicata i diritti sulle porzioni più nobili del bando di gara, nella fattispecie i pacchetti 1 e 3 per una cifra pari a circa 840 milioni di euro a stagione: trasmetterà quindi 7 gare a giornata in esclusiva (pacchetto 1) e 3 gare in co-esclusiva (pacchetto 3).

Delusa Sky, che da 18 anni deteneva la fetta principale dei diritti del nostro massimo campionato e che nelle ultime ore aveva provato a rassicurare i presidenti delle società del calcio tricolore confermando la sua offerta anche nel caso di eventuale scadenza del bando. Alla società di Santa Giulia resta a questo punto la possibilità di aggiudicarsi il pacchetto delle 3 gare in co-esclusiva con Dazn, opzione per la quale ha già messo sul piatto 70 milioni a stagione.

Secondo quanto rivelato dal Corriere della Sera, Sky potrebbe inoltre effettuare ricorso contestando l’assegnazione delle 10 partite a Dazn per via della presenza di un partner terzo (TIM) non indicato in sede di partecipazione al bando ma evidentemente dirimente ai fini della trasmissione delle partite come confermato dalla relazione del consulente tecnico nominato da via Rosellini per valutare rischi e difficoltà di connessione su Internet.

Se confermata, la decisione rappresenterebbe una svolta storica per il nostro Paese: per la prima volta il massimo campionato sarebbe appannaggio del solo streaming.

No Comments

Post A Comment