MacBook Air M1: aumentare la memoria dopo l'acquisto possibile, ma difficile | Web Agency Brescia
12108
post-template-default,single,single-post,postid-12108,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

MacBook Air M1: aumentare la memoria dopo l’acquisto possibile, ma difficile

MacBook Air M1: aumentare la memoria dopo l'acquisto possibile, ma difficile

MacBook Air M1: aumentare la memoria dopo l’acquisto possibile, ma difficile


Aumentare la memoria RAM e la capacità dell’SSD dopo l’acquisto di un MacBook è un’operazione diventata sempre più difficile nel corso degli anni e i modelli basati sul primo chip Apple Slicon non fanno eccezione. Dall’oriente vengono però delle notizie incoraggianti: sostituire i moduli RAM integrati nel chip M1 è possibile, stesso dicasi per i moduli SSD.

Bisogna però dire che l’operazione non è né semplice, né alla portata di tutti. A dimostrare la fattibilità dell’intervento è Yang Changshun, un tecnico di Canton (Cina) che ha ampliato la RAM e sostituito l’SSD di un MacBook Air con chip M1, passando dalla configurazione base con 8GB di RAM e 256GB di storage ad una con 16GB di RAM e 1TB di storage.

Il tecnico ha condiviso in rete alcune immagini che mostrano come sia possibile rimuovere i moduli RAM dal chip e quelli SSD, sostituendoli con altri di capacità maggiore. macOS riconosce correttamente il nuovo hardware.

Da precisare che l’operazione è stata effettuata con successo su un MacBook Air M1, ma non è escluso che lo stesso risultato possa essere raggiunto anche con altri modelli basati sullo stesso chip. È quindi venuto meno un grande limite dei nuovi MacBook? Non proprio.

La sostituzione di RAM e SSD è un’operazione rischiosa perché può compromettere l’integrità dei componenti, può essere effettuata solo da utenti molto esperti e invalida la garanzia. Inoltre bisogna tenere conto che mancano riscontri sull’affidabilità nel tempo dei moduli sostituiti e che c’è sempre la possibilità che Apple decida di bloccare le modifiche non autorizzate con futuri aggiornamenti software. In breve, per l’utente comune la soluzione migliore è sempre procedere alla scelta della dotazione di memoria in fase di acquisto.

Gli interventi qui documentati troveranno probabilmente terreno fertile nei canali non ufficiali e potranno essere una fonte d’ispirazione per chi – in possesso di adeguate conoscenze tecniche – vuole percorrere comunque la strada del fai-da-te.

No Comments

Post A Comment